venerdì 7 febbraio 2014

"The Journey" Project




Ciao a tutti! Qualche giorno fa pensavo di abbandonare il mio viaggio nella fotografia. So che questo non è quello che voglio fare nella vita, e nonostante io sia piena di ispirazione, non ho idea di come realizzarle.
La settimana scorsa ho trovato cosa mi ha ispirato davvero: stavo ascoltando "The Golden Age", l'album di Woodkid, di cui sicuramente avrete sentito Iron. E' una raccolta di meravigliose, e secondo me, ispiranti canzoni che mi fanno pensare  e rilassare molto. Inoltre a scuola stiamo studiando La Commedia, e mi è venuto in mente che volevo realizzare il MIO viaggio, nella mia selva oscura, con le mie belve.
Questo è perchè ho deciso di non lasciare questi tre anni che ho costruito sulla fotografia e iniziare un nuovo progetto, qualcosa che mi facesse pensare.
Questa piccola serie che creerò è ispirata da esperienze, citazioni, poesie, film, musica: insomma, tutto quello che mi fa "sentire" qualcosa.
Spero vi piacerà il mio lavoro;
Aggiornerò questo post con tutte le foto che scatterò. :)


Click to show\hide the English version!
Sarah


1. "Lost in Wonderland" 

Click to see it on flickr!


Model: Valentina G.
Questa foto è dedicata a tutti quei dubbi che ci fanno sentire persi in noi stessi, che ci fanno chiedere chi siamo, che ci fanno guardare il mondo come un posto astratto, che ci gira intorno troppo in fretta.
Lo sfondo non è definito, ed è come l'abbandono di un luogo, di una parte di noi da lasciare indietro e da cui ci si vuole staccare. Inoltre il buio tutt'attorno e l'edera rappresentano tutti i pensieri che ci opprimono e ci infestano, e la posizione della ragazza, sottolinea le emozioni che questi pensieri ci portano.

Ma la luce sul viso di lei, lo sguardo rivolto in alto, sono come una scoperta dopo il buio, la speranza di uscire dal vortice e dall'oscurità.


This photo is dedicated to all those questions that make us feel lost in ourselves, that make us wonder who we are, that make us look at the world as an abstract place, that is turning around us too quickly.
The background is not defined, and it is as the abandonment of a place, a part of us to be left behind and from which you want to disconnect.
And the darkness all around and the ivy are all thoughts that oppress us and haunt us, and the pose of the girl, underlines the emotions that these thoughts lead us.
But the light on her face, looking up, even if she's scared, they are like a discovery after dark, hoping to get out of the whirlwind and darkness.

•    •    •   •    •    •   •    •    •

2. "Hidden Souls" 

Click to see it on flickr!


Model: Me

Molte persone, dietro a una faccia liscia e pulita, nascondono la più profonda tristezza. I nostri lati oscuri, che ci fanno piangere la notte, alla luce del sole li nascondiamo, mostrando solo quello che non ci fa apparire strani, sofferenti. 

Ci trasciniamo giù dai letti come cadaveri, indossando ogni giorno maschere su maschere, fingendoci chi vorremmo essere. 

Ma chi siamo veramente? Quello che mostriamo o quello che nascondiamo?
Piangiamo lacrime nere di dolore sui cuscini, sulle pagine dei libri, quando ci troviamo faccia a faccia con quello che siamo veramente.  Ma si continua a fingere, nonostante tutto.  
Io ho imparato a smettere di fingermi una persona che non sono, a provare a omologarmi: semplicemente, non sono un certo tipo di persona e non potrò mai essere la brutta fotocopia di qualcun altro. Imparate ad accettare il vostro carattere, il vostro tipo di vestire, il vostro essere diversi. Sarete l'originale, la copia migliore.

Many people, behind a smooth and clean face, hide the deepest sadness. Our dark sides, which make us cry at night, in the light of the sun we are used to hide them, showing only what don't make us look weird, suffering. 
We drag down our beds like corpses, wearing masks on mask every day, pretending who we want to be, who the people wants to see.
But who are we really? We are what we show or what we hide?
We cry black tears of pain on the pillows, on books's pages, when we come face to face with who we really are. But we continue to pretend, after all, everytime.
I have learned to stop pretending to be someone that i am not, trying to homologate: I will never be a certain type of person and I will never be a bad copy of someone else. Learn to accept your temper, your type of clothes, your being different. You will be the original, the best copy ever.